Buon Gusto non mente! Il Cibo in Italia mette tutti d'accordo, a tavola come in tour

Proprio così, lo sappiamo tutti, non è solo un detto, ma un dato di fatto!

Le grandi decisioni familiari e di lavoro le abbiamo prese attorno ad un tavolo, meglio se preparato!

E quando facciamo un Tour e usciamo in compagnia per una visita di piacere in qualche luogo, una tappa che non manca mai è il fermarsi in un locale tipico e scegliere un locale consigliato in zona!

2018 anno del Cibo Italiano

Un Territorio che ha una storia, avrà sempre qualcosa da raccontare, da vedere e da farvi assaggiare.

Rovigo di tradizioni e storie ne ha tante, non per niente siamo nel Bel Paese.

 

In quest'ottica abbiamo sempre lavorato per mettere in relazione cibo e turismo, visitazione e ospitalità a Rovigo già dal 2012. Vi invitiamo nella nostra città il 15 Settembre 2018, per essere partecipi ad un evento enogastronomico itinerante, il ROVIGOTO giunto alla V^ edizione, un appuntamento legato alla Tradizioni del Gusto locale con assaggi di prodotti e specialità tipiche della nostra cucina polesana. Anche se la manifestazione non è inserita nel calendario del MiBact, consigliamo di essere presenti e partecipare per la speciale collocazione del nostro territorio, dove una visita alla città di Rovigo e ai Dintorni è vivamente consigliata!

presentazione stampa a Palazzo Nodari della Manifestazione il ROVIGOTO 2018

"Il Cibo, si sa, prende tutti per la gola ed è un momento conviviale.

Il cibo rappresenta la porta di accesso più veloce e immediata a un territorio;

è la prima esperienza con la quale

il viaggiatore contemporaneo

si relaziona con la cultura e tradizioni del luogo"


Italia, paese di viaggiatori

Il 2018, Anno dei Cibo italiano, nasce da una direttiva del Ministero per esaltare il patrimonio enogastronomico italiano e la cucina di qualità, rendendoli strumenti di scoperta di una parte fondamentale del nostro patrimonio culturale. Patrimonio ricchissimo, grazie alla differenziazione dei sapori e delle varietà degli stessi alimenti, figli della straordinarietà geografica e storica dell’Italia.

L’Italia, da questo punto di vista, parte certamente da una posizione di vantaggio, proponendosi ai mercati internazionali con un’offerta pressoché unica, in grado di legare cibo, cultura e ambiente in un mix che inscindibile: sostenere questa offerta significa non solo generare valore per i territori, ma anche rispondere appieno alle esigenze dei più moderni flussi turistici interessati all’autentico e al tipico.

Cosa vedere e Dove mangiare

Il cibo italiano è Attrattività.

Il cibo italiano è un fattore caratterizzante dell'immagine turistica del nostro Paese, capace di far nascere un desiderio forte che si traduce in una motivazione al viaggio e all'esperienza enogastronomica per turisti e visitatori italiani e stranieri. Cibo e vino (48%) insieme alla bellezza delle città (49%) e alle opere d'arte ed ai monumenti (48%) sono una delle principali ragioni di un viaggio in Italia (Enit-Ipsos).

 

Il cibo italiano è Esperienza.

La domanda di turismo enogastronomico è cresciuta, si è evoluta e oggi desidera vivere esperienze autentiche legate alla conoscenza della cultura enogastronomica nelle molteplici espressioni che è in grado di offrire: cibo, vino, itinerari, tradizioni, produzione, acquisto. In Europa sono circa 600 mila i viaggi all'insegna dell'enogastronomia e oltre 20 milioni quelli che comprendono esperienze enogastronomiche (UNWTO), XXI Rapporto Nazionale Turismo). Il 93% dei turisti leisure ha partecipato ad attività enogastronomiche uniche durante un viaggio effettuato negli ultimi due anni (World Food Travel Association). (fonte ©Mibact)

Il progetto "Vivere all'italiana"

consentirà una promozione della lingua italiana, arte e cultura, archeologia e sistema museale, enogastronomia, università e ricerca, scienza e  tecnologia, design, industria culturale e creativa, sport, territori.



Vivi e Gusta la città